21.778 giorni

È sorprendente come scrivere 2019 mi dia molta soddisfazione. Come tirare un sospiro di sollievo; 2018 non mi è mai venuto bene, era come fare finta che.

Detesto fare consuntivi, trovo siano tempo perso. E soprattutto senza tempo. Tuttavia è stato interessante l’anno passato.

Valutavo oggi che da quando sono nata ho vissuto 21.778 giorni. Sarà per questo che i passaggi da un anno a un altro non mi elettrizzano. È un altro giorno, solo un altro giorno. Non mi sono messa a contarli, ovviamente. Sul web c’è di tutto, anche chi fa questi calcoli.

 

In varie parti del mondo, tra l’altro, non è nemmeno Capodanno, e non è nemmeno il 2019. Oppure lo diventa molte ore dopo o molte ore prima. Leggevo che c’è un’isola dell’Oceania che è divisa in due, da una parte è ieri dall’altra già oggi.

Il Capodanno Ortodosso è  tra il 13 e il 14 gennaio. Si basa sul Calendario Giuliano.

In Cina varia, può cadere dal 21 gennaio al 19 febbraio, in base alle fasi lunari.

Il Capodanno Ebraico…non l’ha capito nessuno. All’incirca tra settembre e ottobre.

Quello Islamico capita quando capita.

Quello Celtico il 31 ottobre.

Per i Mussulmani è il 1440.

Per gli Ebrei è il 5779.

Per i Cinesi siamo nel 4716.

Anno più, anno meno.

Dicevo, comunque, che l’anno passato è stato interessante. Ho imparato molte cose, ho scoperto molte cose e ne ho messe a punto altre. Non del tutto a punto, continuerò a svilupparle. Oggi, che è il primo giorno dell’anno e il mio 21.778esimo giorno di vita, ho scoperto la più importante di tutte, ne parlerò un’altra volta.

 

Cosa intendo per scoprire? Mi arrivano. Ad un tratto ho un’intuizione e la pista da seguire. Mi capitano. Ad un tratto mi ritrovo fra le mani qualcosa che non conosco. Mi sento molto fortunata per questa modalità.

C’è un’altra faccenda che caratterizza la mia vita e mi rende frustrata: le idee. Ho idee, a sporte, continuamente. Molte sono decisamente geniali, altre meno. Ho idee su come si potrebbe vendere un modello di auto stracciando il resto del mercato, su quale trasformazione occorre per il riciclo dell’acqua, su che prodotto lanciare sul mercato che farebbe un boom pazzesco, come migliorare settori di aziende, cosa creare per far star bene gli altri e molte molte altre idee. Qualcuna è stata concretizzata da altri e ha avuto gran successo.

Mi vengono, e non posso farci niente. Potrei campare solo vendendo le mie idee. Come faccio? Guardo, e nel guardare risulta ovvio quello che manca. Non so come propormi sul mercato, non ci ho pensato, e soprattutto mi mancano gli investitori. Sarei anche contenta che si arricchissero gli altri semplicemente vendendo le mie idee.

 

Ecco, 2019 che mi piace un sacco scriverti, oltre a tutto quello che già è in pista e che svilupperò, fammi venire un’idea geniale per me, un’idea geniale e che sia ancora sconosciuta.

 

Intanto ho conosciuto Erica Manole, è sua la foto di questo post, che ha il profilo Instagram https://www.instagram.com/swissmonamour/

Ha altre pagine, tutte di fotografia. È stata gentilissima quando con entusiasmo mi ha detto che avrei potuto utilizzarla. Grazie Erica!

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Lascia un Commento

due + quattordici =

Top