Tic Toc

Ho scoperto l’acqua calda. Intendo: io l’ho scoperta, presumo sia qualcosa di conosciuto.

Perché si dice tick tock e non il contrario, tock tick, che suona stonato alle nostre orecchie. Non è per consuetudine. È una regola non scritta, alla quale aderiamo senza nemmeno conoscerla. Un articolo della BBC la spiega così: “Se ci sono tre parole l’ordine deve essere I, A, O. Se ci sono due parole la prima è la I e la seconda è A o O.”

Gli aggettivi inglesi vanno nel seguente ordine: opinione, dimensione, età, forma, colore, origine, materiale, nome di scopo. Perché è ovvio che stiamo parlando della lingua inglese. King Kong, ping pong, tic tac, tip tap, ding dong, sing song. Usiamo una regola inglese ma “assolutamente raccomandata”, come dice la BBC. Così, prosegue l’articolo, si avrà un “bel piccolo vecchio rettangolare verde francese d’argento tagliente coltello.” Altrimenti, invertendo l’ordine, potresti apparire maniaco.

Noi diciamo: un bel vecchio coltello tagliente francese d’argento, rettangolare e piccolo. Ma possiamo anche cambiarne l’ordine, se ci viene. Per gli inglesi ci avviciniamo pericolosamente all’idea che hanno di maniaco. Sarà per questo che ti snobbano sempre se non parli la loro lingua perfettamente. Questa regola viene considerata inviolabile (absolutely), altrimenti produce un forte shock nelle schematiche menti adagiate sull’ovvio. La BBC prosegue spiegando l’apoteosi del concetto: “Tutti e quattro gli zoccoli del cavallo producono esattamente lo stesso suono (non sono proprio d’accordo, cambia il ritmo). Ma noi sempre, sempre, diciamo clip-clop, mai clop-clip.”

 

In realtà questa regola, seppur non scritta, un nome ce l’ha: ablaut reduplication. Cioè apofonia della reduplicazione. Apofonia, dice la Treccani, è l’alternanza non condizionata di vocali, diverse per timbro o quantità.

Pensa un po’.

Che poi a me piace questa ablaut reduplication, mi rende più semplice la semplicità dell’espressione. Una regola ben architettata, che non lascia spazio a convinzioni personali e interpretazioni varie. Una volta tanto nella vita.

 

Potrebbe interessarti anche

Nessun Commento

Lascia un Commento

16 − 15 =

Top